AgricolturaNewsOrto BioSTRESS BIOTICI

Mosca del cavolo: utilizzare microrganismi per il contenimento

Il ciclo biologico

La mosca del cavolo (Delia radicum) è una delle avversità maggiori di buona parte delle crucifere, in particolare dei cavoli.

Questo dittero compie 3-4 generazioni e sverna come pupa nel terreno a qualche centimetro di profondità. In seguito, nel periodo attorno a fine marzo-aprile, l’adulto sfarfalla e procede con l’accoppiamento. Le femmine  possono deporre fino a 100-150 uova al colletto delle piante.

Le larve, che nascono dopo due settimane, si interrano e penetrano nelle radici dei cavoli scavandovi delle gallerie nelle parti più tenere. I tessuti colpiti marciscono, il fogliame ingiallisce e lo sviluppo viene compromesso portando, nei casi peggiori, alla morte della pianta.

Gli attacchi più gravi si hanno in primavera, ma anche le coltivazioni autunnali sono soggette agli attacchi della mosca. I danni sono causati dalle larve  sono più gravi all’emergenza  o dopo il trapianto in primavera e autunno.

Fig.1 Riproduzione grafica di adulto, pupa e larva della mosca del cavolo

  Fig.2 Azione trofica da parte delle larve di Delia radicum

Le soluzioni

Gli interventi di contenimento contro questo dittero devono effettuati tramite la distruzione dei residui della vegetazione, in post-raccolta, e nel controllo delle Crucifere spontanee.

Oltre queste buone prassi agronomiche, l’azienda Ms Biotech suggerisce l’utilizzo del prodotto Rizotech MB, a base di spore vitali di funghi  del genere Glomus spp. e Beauveria bassiana spp, che garantisce un rapido sviluppo dell’apparato radicale, migliorando l’efficienza della pianta nell’assorbire acqua ed elementi nutritivi e riducendo  gli stress dell’apparato radicale determinati delle larve della mosca del cavolo.

Leggi anche:

Biocontrollo insetti nocivi: il fungo Beauveria bassiana

Ultimi Articoli

Trichoderma: Un Aiuto Importante per le Piante

PRODOTTI PER UN’AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Concimi idrosolubili in agricoltura

Prodotti consigliati

FacebookWhatsAppLinkedInEmail
Hai bisogno di aiuto?