AgricolturanematodiNewsSTRESS ABIOTICISTRESS BIOTICI

MORIA DEL KIWI: come limitare i fattori di stress

La sintomatologia della malattia

 

La grande espansione della moria del kiwi nel nostro paese è frutto del cambiamento climatico, in particolare delle improvvise ed eccessive piogge che spesso cadono sui nostri territori.

Le piante colpite mostrano ridotta attività vegetativa, accrescimenti stentati e avvizzimenti dei germogli con successivi disseccamenti di parti di pianta. Talvolta le piante sopravvivono stentate e ricacciano in autunno, ma spesso è l’intera pianta a collassare. I sintomi più evidenti si notano, tuttavia, nell’apparato radicale che presenta sviluppo limitato e superficiale, spesso confinato nelle vicinanze del tronco. La malattia compare inizialmente in aree limitate dell’actinidieto, spesso in zone caratterizzate da ristagni d’acqua.

Fig. 1. Appezzamento affetto da moria del kiwi

 

La prevenzione come arma a disposizione

Ad oggi, considerando i vari studi e sperimentazioni portate avanti in Italia, Giappone e Turchia, si è convinti che, oltre al fattore ambientale, giochino un ruolo nella determinazione della moria del kiwi anche funghi, batteri e nematodi; in particolare questi ultimi, entrando nelle radici, diminuiscono la capacità di reazione delle piante.

 

Fig. 2 Radici di kiwi visibilmente compromesse

Le strategie da mettere in atto sono senza dubbio di natura agronomica, limitando ristagni idrici mediante baulature e impianti di irrigazione a goccia; ma, oltre a queste tecniche, è molto interessante l’uso di microrganismi utili per contrastare l’azione di funghi, batteri e nematodi.

Il prodotto Nematech, a base di Pochonia spp., è un ottimo alleato per il contrasto della moria del kiwi, poiché sta già dando degli ottimi risultati in molti degli actinidieti italiani, andando ad agire in maniera preventiva contro i possibili danni causati dai nematodi.

NEMATECH è un innovativo formulato liquido a base di spore vitali del fungo Pochonia chlamydosporia che contribuisce efficacemente al superamento degli stress causati dagli attacchi dei patogeni dell’apparato radicale anche in presenza di nematodi galligeni del genere Meloidogyne spp., Heterodera spp., Tylenchulus semipenetrans, ecc.

 

Foto 3. Filare di kiwi trattato con Nematech e in cui vi è stata la regressione della malattia

LEGGI ANCHE:

MORIA DEL KIWI: GESTIONE E TRATTAMENTO CON BIOFORMULATI MICROBICI

 

 

Ultimi Articoli

Trichoderma: Un Aiuto Importante per le Piante

PRODOTTI PER UN’AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Concimi idrosolubili in agricoltura

Prodotti consigliati

FacebookWhatsAppLinkedInEmail
Hai bisogno di aiuto?